Come pulire la barca

Tabella dei Contenuti
Come pulire la barca

Guida alla pulizia della barca

Sole acqua e sale sono i principali nemici della tua barca quindi se vuoi avere una barca pulita sappi che il tuo mezzo necessita di cure regolari. Pulire la barca è un’attività rilassante, prendersi cura delle cose a cui si tiene dà sempre molta soddisfatione. Tuttavia pulire correttamente una barca e fornirle tutte le attenzioni che merita al termine di una giornata in mare è un compito che piace a poche persone. Comunque sia s’ha da fare quindi meglio farselo piacere e meglio farlo bene. La pulizia approfondita e l’attenzione ai dettagli mantengono una barca in ottimo stato di conservazione nonostante il passare degli anni, rendendola bella e piacevole da usare. Da non trascurare certamente c’è anche l’aspetto che è importante proteggere il tuo investimento. per fortuna non devi pulirla sempre in modo professionale, con i prodotti giusti e un po’ olio di gomito puoi dare alla tua barca il trattamento che merita. Ricordati che pulire sul pulito è sempre più facile e veloce.

I Prodotti per pulire la barca

Il modo migliore per pulire la tua barca dipende dal materiale con cui è costruita. È molto importante pulire le barche in alluminio e la barche in vetroresina esclusivamente con prodotti specializzati e con la giusta tecnica che viene indicata sul contenitore del detergente. Molto importante è non utilizzare prodotti che si utilizzano per la pulizia della casa perchè potrebbero danneggiare le superfici trattate e rimuovere il sottile strato di protezione che preserva i materiali. I prodotti per la pulizia della barca hanno una composizione ed un pH adeguati quindi non causano alcun danno.

Come pulire la barca - Wave Nautica

Come pulire una barca in vetroresina

Ricordati che la pulizia regolare della barca in vetroresina è molto importante per mantenere l’integrità delle superfici. È assolutamente sconsigliato pulire la vertoresina ogni giorno con detergenti, ma è importante sciacquarla regolarmente con acqua dolce in modo che lo sporco e il sale non si accumulino. Cerca di usare tubi dell’acqua morbidi senza doccette o ugelli in metallo perchè cadendo potrebbero sbeccare i materiali. Il miglior prodotto per pulire la tua barca in vetroresina è uno shampoo specifico per VTR, magari un lava e incera, che ha una formulazione delicata e che lava senza seccare e senza rimuovere il velo di protazione. Utilizzando questo prodotto otterrai un risultato professionale senza troppa fatica. Spesso i detergenti sono concentrati quindi ricordati di utilizzare la giusta diluizione indicata sul flacone.

Cosa serve per pulire la vetroresina

Se possibile cerca di acquistare prodotti lava-incera biodegradabili, il rispetto dell’ambiente e del mare sono sempre importanti. In relazione alla dimensione della superficie da pulire acquista una spazzola o spazzolone per vetroresina della durezza adeguata (generalmente il colore indica la sua durezza). Accertati che la spazzola sia adeguata alla superficie che devi trattare e che le setole siano di alta qualità per non fare segni. In generale è bene non pulire troppo la barca, la pulizia eccessiva danneggia i materiali al pari dello sporco. Quando pulisci la tua barca fai attenzione a sciacquare frequentemente il panno o la spazzola per evitare di graffiare la superficie con i residui di sporco che stai rimuovendo. Dopo aver risciacquato asciuga la vetroresina con pelle di daino (anche sintetica) e poi rifinisci lucidando con un panno morbido.

Come pulire la barca - Wave Nautica

Pulire una imbarcazione in alluminio

Quando si lava una barca in alluminio è imperativo utilizzare un prodotto adeguato e specifico per alluminio marino. L’utilizzo di questi prodotti consente di rimuovere le eventuali macchie e l’opacità senza danneggiare la superficie. Se non utilizzi un detergente specifico potresti rischiare di dover faticare di più durante il lavaggio e di sgrassare troppo l’alluminio. Il risultato potrebbe essere peggiore di una macchia, che da la sensazione di sporco impossibile da pulire. Usa uno strofinaccio adeguato e cerca di applicare una pressione uniforme durante tutto il trattamento in modo che il risultato sulla superficie sia omogeneo. Devi usare anche la giusta quantità di prodotto. Non troppo poco perchè non otterresti risultato e non troppo perchè spesso i detergenti per barche in alluminio sono inquinanti, usarne troppo serebbe uno spreco e un danno inutile per l’ambiente.

Buona pratica per pulire la barca in alluminio

Ricordati sempre di usare occhiali per proteggere gli occhi e guanti adatti e resistenti ai prodotti chimici durante tutto il trattamento. I prodotti acidi che si utilizzano per eliminare l’ossidazione delle barche in alluminio contengono acidi che possono danneggiare la tua salute. Per non lasciare segni dovuti al gocciolamento e al fatto che il detergente si asciuga durante la pulizia, inizia a pulire dal basso in piccole aree. Non pulire aree troppo grandi perchè sono difficili da gestire e il risultato non è mai uniforme. Sali verso l’alto senza fare asciugare il prodotto e segui le indicazioni presenti sulla confezione, lascia trascorrere il tempo indicato e poi sciacqua regolarmente con acqua dolce. In generale non utilizzare ogni volta prodotti, ricordati però di sciacquare spesso la superficie per eliminare li sale portato da vento e schizzi.

Superfici in legno della barca

Se la tua barca ha un ponte in legno è importante usare un detergente per teak in modo da rimuovere la macchie di unto dovute a creme solari, patatine e al quotidiano utilizzo. Una volta all’anno usa olio per teak, oliare il legno consente di proteggerlo da sole e sale che possono invecchiare precocemente il legno. L’olio fornisce nutrimento e lucentezza al legno del ponte e degli accessori, se ben applicato il risultato finale è davvero incredibile.

Superfici in metallo della barca

Tutte le superfici metalliche della tua barca devono essere lucidate con regolarità per evitare macchie e ossidazioni. Individua le parti in metallo della tua barca, tutte le componenti metalliche di ottone, alluminio e acciaio inox necessitano di lucidatura. Applica i prodotti specifici con un panno morbido e in maniera uniforme utilizzando guanti e occhiali protettivi. Strofina con movimenti circolari e segui sempre le istruzioni mostrate sulla confezione. Ricordati che ogni metallo ha un prodotto specifico che ti può aiutare con poca fatica a mantenerlo bello e lucente nel tempo.

Come pulire i cuscini della barca

I cuscini e le sedute della tua barca necessitano di cure a attenzioni per evitare che alla fine della stagione dimostrino più anni del dovuto e per non doverli sostituire prima del tempo. Dopo ogni uscita in barca sciacqua accuratamente con acqua dolce cercando di concentrarti sulle cerniere che si ossidano molto facilmente. Creme solari, lozioni abbronzanti e residui di cibo insieme all’acqua salata causano deterioramento precoce dei materiali, di chiusure e cuciture. Se i cuscini sono in vinile usa un detergente specifico non uno sgrassatore da cucina perchè l’utilizzo di prodotti sbagliati per la pulizia potrebbe causare secchezza e conseguente rottura. Non usare mai cloro o candeggina per sbiancarli perchè oltre a rovinarli potresti macchiare anche alte parti della barca. Durante la pulizia concentrati su cerniere e cuciture, se necessario utilizza uno spazzolino o una spazzola morbida per rimuovere impurità e residui. Al termine del lavaggio sciacqua con acqua dolce e asciuga con un panno. Se devi riporre i cuscini accertati di stivarli in un posto ben arieggiato per evitare la muffa. Con pochi accorgimenti puoi avere dei cuscini puliti, profumati e dall’aspetto nuovo e ben manutentuto. Queste attenzioni unite ad una corretta manutenzione ti consentiranno anche di non doverli cambiare troppo spesso.

Come pulire la barca - Wave Nautica
Wave Nautica

Wave Nautica

Il tuo cantiere e marina di fiducia

Gli ultimi articoli